VELVET

2.000,00

“PRS style, slim black limba body. 26 mm body, pick up custom made true split”.
Available on request with any modification.

Sold - Contact us

Category: Tag:

Description

velvet-PRS-electric-guitar-replica

   Renato really knew what he wanted when he asked me to make this guitar for him. A shape inspired by PRS, korina for body and neck, limited thickness and weight, true split circulation for the two custom humbuckers and an amber two-tone finishing with a soft, warm and seductive look. Velvety. Sometimes the ability to use your imagination is crucial. Let’s Play.

Additional information

Modello

1 review for VELVET

  1. Renato

    Da tempo pensavo a una chitarra su misura:
    corde meno tese , action bassa , manico adatto alla mia mano piccola, corpo sottile e poco pesante.
    Suono corposo da humbucker ma splittabile a single coil con uscita elevata.
    Per ultimo il colore che avevo negli occhi ma difficile da descrivere.
    Il motivo essenziale che mi tratteneva era: ma per come suono e per quello che suono ne vale la pena?
    Poi un vestito su misura lo puoi allargare , stringere, accorciare,provarlo prima di farlo confezionare.
    Ma una chitarra finche’ non la suoni non sai ti piace , se e’ su misura!
    Va be’ vado da Shank con la mia lista di desiderata , più lunga della lista della spesa dell’Esselunga,
    e mi dice che andremo piano piano per fare il punto della situazione ed andare avanti di volta in volta.
    E’ stata una gestazione normale di nove mesi ,senza inconvenienti , ma molto curata.
    Un’idea geniale di Shank : un ponte monoblocco per dare piu’ spazio al corpo .
    Una richiesta particolare , realizzata prontamente dalla Ross : unire davvero due single coil per avere un suono da humbucker che splittato suona da single coil.
    Eravamo al termine della gestazione ,mancava solo il colore.
    Ho portato la foto di un dipinto del Caravaggio .
    Parto eutocico.
    E’ nata Velvet.
    Colore stupendo.
    Anche il nome : bello,profumato,intrigante.
    L’ho attaccata al Fenderone: un suono da urlo con bassi che fanno tremare l’intestino ,acuti da Callas.Insomma suonata da uno bravo sfonda sul palco.
    Normalmente nei saluti e nei ringraziamenti si tralascia sempre qualcuno.Nella mia carriera è capitato tante volte.Qui è impossibile:
    grazie a Emanuele , brava a Rossella e non dimentico il ” magister” Gabriele.
    C’è un problema.
    Non basta solo un abito invernale ce ne vuole anche uno estivo………..
    Renato.

  2. Renato

    Da tempo pensavo a una chitarra su misura:
    corde meno tese , action bassa , manico adatto alla mia mano piccola, corpo sottile e poco pesante.
    Suono corposo da humbucker ma splittabile a single coil con uscita elevata.
    Per ultimo il colore che avevo negli occhi ma difficile da descrivere.
    Il motivo essenziale che mi tratteneva era: ma per come suono e per quello che suono ne vale la pena?
    Poi un vestito su misura lo puoi allargare , stringere, accorciare,provarlo prima di farlo confezionare.
    Ma una chitarra finche’ non la suoni non sai ti piace , se e’ su misura!
    Va be’ vado da Shank con la mia lista di desiderata , più lunga della lista della spesa dell’Esselunga,
    e mi dice che andremo piano piano per fare il punto della situazione ed andare avanti di volta in volta.
    E’ stata una gestazione normale di nove mesi ,senza inconvenienti , ma molto curata.
    Un’idea geniale di Shank : un ponte monoblocco per dare piu’ spazio al corpo .
    Una richiesta particolare , realizzata prontamente dalla Ross : unire davvero due single coil per avere un suono da humbucker che splittato suona da single coil.
    Eravamo al termine della gestazione ,mancava solo il colore.
    Ho portato la foto di un dipinto del Caravaggio .
    Parto eutocico.
    E’ nata Velvet.
    Colore stupendo.
    Anche il nome : bello,profumato,intrigante.
    L’ho attaccata al Fenderone: un suono da urlo con bassi che fanno tremare l’intestino ,acuti da Callas.Insomma suonata da uno bravo sfonda sul palco.
    Normalmente nei saluti e nei ringraziamenti si tralascia sempre qualcuno.Nella mia carriera è capitato tante volte.Qui è impossibile:
    grazie a Emanuele , brava a Rossella e non dimentico il ” magister” Gabriele.
    C’è un problema.
    Non basta solo un abito invernale ce ne vuole anche uno estivo………..
    Renato.

Show only reviews in English (0)

Add a review

Your email address will not be published. Required fields are marked *